martedì 9 gennaio 2018

MANDELLO DEL LARIO
FESTEGGIA MICHELE ZUCCHI

Il 26 Gennaio alle 21.00 verrà proiettato nel Cinema Teatro Comunale Fabrizio De Andrè di Mandello il documentario LA DIVISIONE ACQUI A CEFALONIA con Michele Zucchi.


Zucchi fu internato in Russia dopo essere riuscito a scampare alla battaglia di Cefalonia ed anche al naufragio di una delle navi che dall'isola Greca portavano migliaia di prigionieri italiani nei campi di detenzione tedeschi. (Clicca qui per informazioni).




Regia Claudio Costa
Idea Walter Locatelli
Produzione Lorenzo Ruffini
Musiche Michele Ruggiero
Illustrazioni Francesca Romana Brogani
          

Michele Zucchi è nato a Mandello il 12 marzo 1923. Era un contadino come il padre Gerolamo quando fu chiamato alle armi il 5 settembre 1942. Fu assegnato all'Artiglieria e inviato in Grecia con la Divisione Acqui. Arrivò a Cefalonia il 2 febbraio 1943. Di guerra non ce n'era l'ombra in quei giorni; mare, sole, ulivi e convivenza con i Tedeschi e con gli abitanti dell'isola.
L'8 settembre del 1943 le cose cambiarono improvvisamente. Zucchi seppe dell'armistizio di notte da un ufficiale alquanto preoccupato. Il giorno dopo gli ordini furono di attendere notizie e non attaccare i tedeschi. Quando questi ultimi andarono a chiedere agli italiani le armi, secondo Zucchi degli ufficiali della sua batteria, Pigorini, Mancini e Mazzoleni decisero di rimanere al fianco dei tedeschi, lasciando liberi di arrendersi gli artiglieri contrari a questa decisione. Zucchi fu tra i ragazzi che si arresero e venne fatto prigioniero e portato a Lixuri. (Clicca per il video)

                               

Sopra Michele Zucchi secondo in piedi da sinistra a Cefalonia con dei commilitoni.

Dopo essere riuscito a scampare ai combattimenti che ci furono contro i tedeschi, Zucchi e altre migliaia di soldati italiani furono imbarcati su alcune navi e portati a Patrasso.
Da quel momento inizia la vera odissea di Zucchi e di migliaia di ragazzi della Divisione Acqui. Già durante il viaggio la sua nave affonda dopo aver colpito una mina. Zucchi è tra i naufraghi raccolti da una nave che seguiva. Molti altri moriranno in mare. (clicca per il video).
Arrivati a Patrasso i prigionieri saranno poi trasportati ad Atene per proseguire in treno verso la Polonia e utilizzati come lavoranti per i tedeschi. (clicca per il video).


















Nessun commento:

Posta un commento